Firenze modalità Taste, metti una sera a cena con Andrea Paternoster (Mieli Thun) in piazza della Signoria: Osteria Gucci.

Diciamo subito che il progetto di Bottura e Gucci aperto circa un anno fa è molto convincente! Di più! Direi che è dirompente sulla scena gastronomica Fiorentina. Per me ha lo stesso effetto che ha avuto Condividere sulla scena torinese. Valgono le stessa parole che dissi per il locale sabaudo: anche l’Osteria Gucci è un ristorante che ha uno stile ed una qualità da segnalare a livello nazionale.

Siamo nella piazza culla del Rinascimento, il locale è adiacente al negozio della importante maison di alta moda, la sala da pranzo è un ambiente piuttosto raccolto. Una trentina i coperti. Servizio professionale, efficiente, calzato e vestito con molto gusto dalla maison di moda. Ambiente informale e rilassato, molto piacevole.

Due menu: €70 e €90. Alla carta i piatti sono tra i €20 e €30. Carta dei vini snella, oltre alle bottiglie di importanti cantine, troverete anche piccole produzioni artigianali dal buon rapporto qualità/prezzo.

Ma veniamo alla cucina.

I piatti sono perfetti! Nessuna sbavatura. Nessun azzardo. Quello che esce dalla cucina è ineccepibile. Lo stile mi piace molto: Massimo è Emiliano, la cuoca Karime Lopez è Messicana (con esperienze in vari paesi) ed è la compagna del nipponico Taka (secondo di Bottura). Queste esperienze portano ad una proposta ‘globale’.

Bottura va nel mondo e porta l’Italia all’estero. Internazionalizza la cucina italiana.

Karime viene dall’estero in Italia ed italianizza la sua cultura.

Solo Massimo Bottura in Italia ha questa visione. Pur arrivando dalla provincia, è l’unico in grado di comprendere questo: uscire dal provincialismo e dal campanilismo. Per dare splendore massimo alla cultura italiana, questa si deve permeare, fondere e confrontarsi con il mondo. Questa è una via per il Rinascimento. Ed è ciò che si sente dopo la bella cena all’osteria.

Platos:

-Tostada di mais viola,, palamita marinata, avocado. Piatto eccellente.

Piatto lineare, fresco, morbido, croccante ed agrumato. 4 ingredienti che si completano: per questo motivo risulta di facile lettura, davvero molto piacevole! Bravi!

-Holy Cannoli. Grande Piatto.

Piccoli cannelloni d zucca ripieni di squacquerone, brodo di peperoni al forno e gocce di olio di mandorle. Fantasia, ironia e buon gusto sono fondamentali per creare questo piatto di pasta…vegetale. Il velo di zucca croccante è una rivisitazione di pasta all’uovo da encomio!!! Qui di seguito la degustazione del piatto in video.

-Taka Bun

Panino omaggio all’amato della cuoca. Pane al vapore (cinese) farcito da pancia di maiale della cinta senese, cavolo rosso a mo’ di crauti, una fettina di mela ed una salsa giapponese di cui non ricordo il nome: è sapida ed appena speziata.

-Tortellini in crema di parmigiano. Piatto eccellente.

MODENA a caratteri cubitali. Parlai anni fa (qui) delle qualità creative di Massimo Bottura che si basano su una conoscenza perfetta della tradizione. Nessuno a Modena mangia dei tortellini di questo livello. In nessuna Trattoria ed in nessuna casa. Quale massaia userebbe questa qualità di materia prima? A cominciare dal Parmesan 30 mesi ad esempio! Qui di seguito il video della degustazione del piatto.

-Che Chianina! Piatto Eccellente.

Biancostato sfilacciato su demi-glace e ragù di topinambour. Sopra sedano rapa e rondelle di barbabietola acidulata. Esecuzione perfetta, impiattamento da manuale della cuoca Karime Lopez. Qui di seguito la degustazione del piatto in video

-Lobster Roll

Molto gourmand: l’astice in versione molto, ma molto godereccia!

-Emilia Burger

Cotechino, parmigiano, salsa verde. Goduria pura.

-Dessert: Il Bergamotto si fa in Otto

Il disco i meringa è indimenticabile. Di alta scuola. Nasconde: ricotta e spicchi di agrume. Fresco, fine, non dolce.

-Dessert: Charley’s Sandwich

Chiudiamo con una nota di dolcezza la selezione di piatti assaggiati.

Gucci Osteria da Massimo Bottura: piatti perfetti!

Gucci Osteria da Massimo Bottura: piatti perfetti!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.